Dal 1 Agosto al 16 Agosto 2009 a Sarzana in Provincia di La Spezia si svolgerà la Sagra del Testarolo.
La Sagra avrà luogo nel centro storico e più precisamente in via dei Giardini,
Potrete degustare piatti della cucina tipica Sarzanese e Lunigianese, Testaroli (Panigacci),ai Funghi, al Pesto, Olio e Pecorino, Ravioli di carne e pesce, torte di verdura e di riso, grigliate di carne e pesce alla brace e il buon vino dei Colli di Luni

Tel. per Info: 0187.621077
Apertura: dalle 20.00 in poi
Sito Web: http://www.bistrotristorante.com/


Con quella faccia un pò così
quell’espressione un pò così
che abbiamo noi prima andare a Genova
che ben sicuri mai non siamo
che quel posto dove andiamo
che ben sicuri mai non siamo
non c’inghiotte e non torniamo più.

Eppur parenti siamo in pò
di quella gente che c’è lì
che in fondo in fondo è come noi selvatica
ma che paura che ci fa quel mare scuro
e non sta fermo mai.

Genova per noi
che stiamo in fondo alla campagna
e abbiamo il sole in piazza rare volte
e il resto è pioggia che ci bagna.

Genova, dicevo, è un’idea come un’altra
Ah… la la la la

Ma quella faccia un po’così
quell’espressione un po’così
che abbiamo noi mentre guardiamo Genova
ed ogni volta l’annusiamo
e circospetti ci muoviamo
un po’randagi ci sentiamo noi.
Macaia, scimmia di luce e di follia,
foschia, pesci, Africa, sonno, nausea, fantasia.
E intanto nell’ombra dei loro armadi
tengono lini e vecchie lavande
lasciaci tornare ai nostri temporali
Genova ha i giorni tutti uguali.
In un’immobile campagna
con la pioggia che ci bagna
e i gamberoni rossi sono un sogno
e il sole è un lampo giallo al parabrise.

Con quella faccia un po’così
quell’espressione un po’così
che abbiamo noi che abbiamo visto Genova

A L 'Ea Unn-A Figgetta - I Trilli

O giorno do matrimonio
Co-o cù, co-o cù
L'è successo un pandemonio
Pe o cù, pe o cù
Le o l'à vista despoggià
Ou belin che cù ca l'à
Le o l'à vista despoggià
Ou belin che cù ca l'à

A s'è faeta un po'ciù grassa
Co-o cù, co-o cù
Pe e porte ciù no passa
Pe o cù, pe o cù
Han cacciou zù tutta a cà
Ou belin che cù ca l'à

n'a notte de tormento
Co-o cù, co-o cù
Gh'e vegniu u riscaldamento
Co-o cù, co-o cù
Tutto o paise con a pomà
Ou belin che cù ca l'à
Tutto o paise con a pomà
Ou belin che cù ca l'à

Un giorno sci i cien de Pragia
Co-o cù, co-o cù
A l'à mollou na cuagia
Co-o cù, co-o cù
E un cacciou s'è misso a crià
Ou belin che cù ca l'à
E un cacciou s'è misso a crià
Ou belin che cù ca l'à

Uno scultor di grido
Co-o cù, co-o cù
O g'à feto un monumento
Au cù, au cù
E i turisti tutti a mià
Ou belin che cù ca l'à
E i turisti tutti a mià
Ou belin che cù ca l'à

Andora - Sale & Pesce - Liguria

Dal 23 Maggio 2009 al 24 Maggio 2009 ad Andora in provincia di Savona si terrà la quinta edizione della manifestazione Sale & Pesce, dove verranno presentati gli elementi della cultura gastronomica e i prodotti tipici del territorio.
Manifestazione della durata di 2 giorni si svolge presso il porticciolo turistico di Andora.
Non mancheranno i formaggi, le conserve, il tonno, specialità di pesce.

Programma:
Sabato 23 e Domenica 24 maggio 2009 dalle 10.00 alle 19.00 (orario continuato)

Sito Web: http://www.saleepesce.org/
Email: info@saleepesce.org
Tel. per Info: 019 6898607

Dal 30 Maggio 2009 al 01 Giugno 2009 a Teriasca di Sori si svolgerà la terza edizione della Sagra delle Acciughe.
Troverete stand gastronomici con bagnum, trofie al pesto, acciughe fritte, vini e piatti prelibati.
Sabato 30 all'evento sarà accompagnato ballo liscio/moderno con ballerine brasiliane;
domenica 31 le fisarmoniche; e lunedì 1 l'orchestra di liscio.
Bus Navetta Gratuita dal Campo Sportivo di Sori

Organizzatore: Comitato Fuoco sotto il Cielo

Arena Lucia - Artista Genovese

Disegni delicati e forti allo stesso tempo, minuziosi ma colmi di fascino e autenticità.

Una ricerca quasi analitica della forma data da piccoli accostamenti di carta che si amalgamano al segno vibrante e deciso del carboncino.


Opere che rivelano una forte personalità di tratto e di stile e che offrono la possibilità allo spettatore di scoprire le mille sfaccettature dell' animo dell' artista.
Lucia Arena nasce ispirandosi alla fotografia nella sua accezione squisitamente monocromatica: il chiaroscuro, reso ancora più convincente dal perfetto uso del carboncino che vive attraverso la forza espressiva di volti , corpi femminili, con la morbidezza della scala intermedia dei grigi.
La scelta della giovane artista genovese Lucia Arena di sperimentare con l’uso prevalente del bianco e nero soggetti figurativi si rivela come una miniera inesauribile di possibilità di catturare l’anima delle persone, analizzare e studiare minuziosamente il volto attraverso un proprio lavoro personale. Immagini in cui i segni impressi sulla carta, sembrano voler dichiarare, sogni, segreti, pensieri o ricordi non decifrabili allo spettatore, e proprio per questo più intimi e nascosti; ricordi che fanno parte della sua vita.
Sguardi penetranti, immensi e diretti.
Visi diafani, mutevoli e trasparenti.
Corpi sinuosi con una femminilità pura e semplice.


Questa è l'arte di Lucia Arena che ha un modo particolare di guardare alla femminilità apportando un gusto artistico di alta qualità, per mezzo di elementi come il taglio fotografico, la matita e l’accostamento di carte colorate.
La sua donna è naturale, una donna odierna, capace solo con le sue espressioni di trasmettere passioni, istinti e una propria individualità.
Lucia Arena vive e lavora a Genova.
Laureata presso l' Accademia di Belle Arti di Genova , nel corso degli anni si dedica alla grafica e al web fino ad intraprendere al professione di web designer.
Le sue opere rappresentano volti e scenari quotidiani riletti in chiave personale e sono caratterizzati da accostamenti di carte colorate e applicazioni in oro, bronzo e argento.
Attualmente l'artista espone in diverse gallerie in Italia e all' estero, oltre ad essere vincitrice di diversi premi nazionali come Pagine Bianche d' Autore.
Sito internet http://www.artfly.it/

Il 24 maggio 2009 a Recco, cittadina della riviera ligure, si svolgerà la sagra della Focaccia !

Ecco a Voi il Programma!

Focaccia normale e con le cipolle

Dalle 11.00 alle 12.00 distribuzione in piazza Nicoloso da Recco
Panificio TOSSINI • Panificio MOLTEDO
Dalle 11.00 alle 12.00 distribuzione in via Trieste - Panificio ROSA

Focaccia col formaggio di Recco
Dalle 15.00 alle 16.00 piazza N. Da Recco
Panificio TOSSINI, via Assereto • Ü FAINOTTO, via IV Novembre
Dalle 16.00 alle 17.00 piazza N. Da Recco
Panificio MOLTEDO, via Assereto • Panificio TOSSINI, via Roma
Dalle 17.00 alle 18.00 in via Trieste - Panificio ROSA, via Trieste
Dalle 17.00 alle 19.00 via V. Veneto - CONSORZIO FOCACCIA COL FORMAGGIO DI RECCO
Dalle 18.00 alle 19.00 via XX Settembre - Panificio MOLTEDO, via XX Settembre

Tel. per Info:
Consorzio Focaccia col formaggio di Recco (segreteria) 0185 730748
Pro Loco Recco 0185 722440

De Andrè - A Dumenega

Quandu ä dumenega fan u gíu
cappellin neuvu neuvu u vestiu
cu 'a madama a madama 'n testa
o belin che festa o belin che festa
a tûtti apreuvu ä pruccessiún
d'a Teresin-a du Teresún
tûtti a miâ ë figge du diàu
che belin de lou che belin de lou
e a stu luciâ de cheusce e de tettìn
ghe fan u sciätu anche i ciû piccìn
mama mama damme ë palanche
veuggiu anâ a casín veuggiu anâ a casín
e ciû s'addentran inta cittaë
ciû euggi e vuxi ghe dan deré
ghe dixan quellu che nu peúan dî
de zeùggia sabbu e de lûnedi
**a Ciamberlin sûssa belín
ä Fuxe cheusce da sciaccanuxe
in Caignàn musse de tersa man
e in Puntexellu ghe mustran l'öxellu
a Ciamberlin sûssa belín
ä Fuxe cheusce da sciaccanuxe
in Caignàn musse de tersa man
e in Puntexellu ghe mustran l'öxellu
e u direttú du portu c'u ghe vedde l'ou
'nte quelle scciappe a reposu da u lou
pe nu fâ vedde ch'u l'è cuntentu
ch'u meu-neuvu u gh'à u finansiamentu
u se cunfunde 'nta confûsiûn
cun l'euggiu pin de indignasiún
e u ghe cría u ghe cría deré
bagasce sëi e ghe restè
e ti che ti ghe sbraggi apreuvu
mancu ciû u nasu gh'avei de neuvu
bruttu galûsciu de 'n purtòu de Cristu
nu tè l'ûnicu ch'u se n'è avvistu
che in mezu a quelle creatûe
che se guagnan u pan da nûe
a gh'è a gh'è a gh'è a gh'è
a gh'è anche teu muggè
a Ciamberlin sûssa belín
ä Fuxe cheusce de sciaccanuxe
in Caignàn musse de tersa man
e in Puntexellu ghe mustran l'öxellu.

De Andrè - Creuza de Mä

Umbre de muri muri de mainé
dunde ne vegnì duve l'è ch'ané
da 'n scitu duve a l'ûn-a a se mustra nûa
e a neutte a n'à puntou u cutellu ä gua
e a muntä l'àse gh'é restou Diu
u Diàu l'é in çë e u s'è gh'è faetu u nìu
ne sciurtìmmu da u mä pe sciugà e osse da u Dria
a a funtan-a di cumbi 'nta cä de pria.
E 'nt'a cä de pria chi ghe saià
int'à cä du Dria che u nu l'è mainà
gente de Lûgan facce da mandillä
qui che du luassu preferiscian l'ä
figge de famiggia udù de bun
che ti peu ammiàle senza u gundun.
E a 'ste panse veue cose che daià
cose da beive, cose da mangiä
frittûa de pigneu giancu de Purtufin
çervelle de bae 'nt'u meximu vin
lasagne da fiddià ai quattru tucchi
paciûgu in aegruduse de lévre de cuppi.
E 'nt'a barca du vin ghe naveghiemu 'nsc'i scheuggi
emigranti du rìe cu'i cioi 'nt'i euggi
finché u matin crescià da puéilu rechéugge
frè di ganeuffeni e dè figge
bacan d'a corda marsa d'aegua e de sä
che a ne liga e a ne porta 'nte 'na creuza de mä.

Genova - Il soffio del drago

Fino al 27 settembre 2009 presso il Castello D’Albertis di Genova si svolgerà la mostra “Il soffio del drago” che presenta una selezione di oggetti dalla collezione del Museo di Etnomedicina “Antonio Scarpa”.
Sono strumenti utilizzati nella pratica della moxibustione edell’agopuntura, tavole e modellini anatomici, testi cinesi, composti e materiali di origine vegetale, animale e minerale per la farmacopea, materiali ed oggetti della tradizione devozionale popolare, supporti per lo studio e la diagnosi.

http://www.castellodalbertisgenova.it/
Indirizzo: Corso Dogali 18 – Genova
Tel per Info:
010-2723820.

Fino al 7 giugno presso il Gam, l'Accademia Ligustica, il Palazzo Rosso, il Palazzo Regione Liguria di Genova si svolgerà la mostra intitolata “Edoardo Alfieri (1913 - 1998), scultore del Novecento. Una donazione per Genova”.
Verranno esposte le opere che oscillano tra avanguardia e il ritorno alla tradizione, donate alla città dalle eredi dello scultore.

Tel. Info: 010-3726025

Fino al 29 novembre 2009 presso il Museo Chiossone di Genova si svolgerà la mostra “Animalia Japonica. L’immagine giapponese degli animali”.
La mostra racconta dei significativi figurativi, poetici, letterari e metaforici degli animali nella cultura giapponese, vi sono esposte circa 35o opere, stampe, dipinti e tessuti.

Sito: http://www.museochiossonegenova.it/
Indirizzo: Piazzale Mazzini, 4n Genova
Tel per Info: 010-542285.

Dal 1 gennaio al 30 settembre al Galata Museo del Mare si svolgerà la mostra “La Merica ! Da Genova a Ellis Island. Il viaggio per mare ai tempi della migrazione italiana”.

Mostra sull'emgrazione.
Il visitatore arriverà a Genova, munito di un passaporto e di un biglietto di viaggio, attenderà l’arrivo del proprio battello e poi entrerà nella ricostruzione dell’antica stazione marittima di
Ponte Federico Guglielmo, (oggi Ponte dei Mille).
Per arrivare infine, alla Inspection Line, il percorso fatto di visite mediche, interrogatori e test per verificare se possedeva i requisiti per essere accolto in America.

Indirizzo: Calata De Mari, 1 (Darsena - Via Gramsci) - Genova
Tel per Info: 010-2345655.

Dal 20 Marzo al 5 Luglio 2009 si svolgerà la Mostra "Le Vie dell'Estasi. I tesori della Quadreria dei Cappuccini di Voltaggio" al Museo dei beni culturali Cappuccini di Genova
Sono esposti i quaranta dipinti di artisti tra i quali: Domenico Fiasella, Guido Reni, Luca Cambiaso, Guido Reni, Domenico Piola, Il Grechetto.

Indirizzo:
Viale IV Novembre, 5
Tel. per Info: 010 - 8592759.


La Spezia - Previsioni del Tempo

Ecco a voi le Previsioni per la città di La Spezia di oggi e dei prossimi due giorni.



Imperia - Previsioni del Tempo

Ecco a voi le Previsioni per la città di Imperia di oggi e dei prossimi due giorni.



Savona - Previsioni del Tempo

Ecco a voi le Previsioni per la città di Savona di oggi e dei prossimi due giorni.



Genova - Previsioni del Tempo

Ecco a voi le Previsioni per la città Genova di oggi e dei prossimi due giorni.

Genova - Ostello della Gioventù

L'Ostello di Genova è una struttura moderna e molto capiente, dista a 4 km dal centro della città ma si trova in una posizione invidiabile, è situato vicino alle antiche fortificazioni della città e gode di un panorama stupendo.
E' raggiungibile dai mezzi di trasporto.

Numero di Tel: 010 2422457 - http://www.ostellogenova.it/

Come Arrivare:


Visualizzazione ingrandita della mappa

Genova - Caravaggio

Ecce Homo è un dipinto di Caravaggio che realizzò nel 1605, olio su tela 128 x 103.
E' custodito a Genova nel Museo di Palazzo Bianco.
"Ecce Homo" sono le parole che dice Ponzio Pilato, mostrano Cristo al popolo "Ecco l'Uomo, l'uomo che volete crocefiggere".
Opera tratta dal Vangelo di Giovanni, capitolo 19, rappresenta la presentazione di Cristo da parte di Pilato, coronato di spine e vestito in modo derisorio dai suoi persecutori.


Palazzo Bianco o Palazzo Luca Grimaldi
indirizzo: Via Garibaldi o Strada Nuova - civico 11

Santuario dei Cetacei

E' un'area protetta di 87.500 kilometri quadrati che ha come limiti Capo Falcone e Capo Ferro in Sardegna, Punta Escampobariu in Francia e Fosso Chiarone in Toscana.
Comprende diverse Aree Marine Protette e circoscrive altre cinque grandi aree protette terrestri: Parco Nazionale delle Cinque Terre in Liguria, il Parco Regionale della Maremma Toscana, il Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano, il Parco Nazionale dell'Asinara e il Parco Nazionale dell'Arcipelago della Maddalena.
Quest'area marina ha la piu' alta concentrazione di cetacei fra tutti i mari italiani.
Si possono incontrare: delfini, grampi, globicefali, balenotteri comuni e capodogli.


Genova - Bike Sharing

Biciclette dal motore elettrico che viene messo in moto dai pedali, questo facilita il ciclista e consente di affrontare salite senza faticare fino ad una velocità massima di 25 km/h.
La durata della batteria è di circa 30 km .
Quando la batteria si scarica può essere utilizzata come una bicicletta tradizionale



Dove si possono trovare:
P.zza De Ferrari - n. 12 biciclette - DE FERRARI
Monumentale - n. 12 biciclette - VIA XX SETTEMBRE
Piazza Verdi - n. 20 biciclette - BRIGNOLE
Via di Francia, 1 - n. 12 biciclette - MATITONE
P.zza Principe - n. 12 biciclette - PRINCIPE
Palazzo San Giorgio - n. 12 biciclette - CARICAMENTO


Il Servizio di Bike Sharing è attivo tutti i giorni dalle ore 7.00 alle ore 24.00.
E' necessario farsi rilasciare una Smart Cart nei punti abilitati elencati di seguito, possono entrare in possesso della Carta, i maggiorenni e i ragazzi di età maggiore ai 14 anni accompagnati dai genitori al momento del'iscrizione, muniti di un documento di identità valido.
Ad ogni Iscritto verrà rilasciato u lucchetto personale
L'iscrizione annuale al servizio è di 30 euro, e la prima ricarica obbligatoria è del valore di 5 euro.

Punti abilitati Mobike:
Genova Carsharing, Piazza Dante 8/l
Mobi' - Piazza Matteotti, 32 AMT - Via D'Annunzio 8r Via Avio 9r Via Bobbio, 250 r
Genova Parcheggi - Viale Brigate Partigiane, 3Lr

Quanto Costa?
La prima mezzora è gratuita, la seconda mezzora costa 1 euro, la terza mezzora costa 2 euro, e le mezzore successive alla terza 3 euro.

Assistena Tecnica: n° verde 800.910.658



Acquario di Genova

L'Acquario viene inaugurato nell'ottobre del 1992, è un edificio lungo più di 250 metri disposto su quattro piani (due sotto il livello del mare), nasce dal compromesso di due concezioni architettoniche molto differenti, l'esterno dell'architetto genovese Renzo Piano e l'interno dell'architetto americano/russo Chermayeff
Nel 1998 viene integrata la Grande Nave Blu.
Appena entrati potete ammirare la vasca del molo antico che misura 15 metri di lunghezza per 2 di altezza; è una rappresentazione di una banchina del Porto Antico del 1400 con i pesci e gli ambienti del mar ligure.
Troverete la vasca delle foche, la vasca degli squali, la vasca della barriera corallina e la vasca dei delfini.
Il percorso è della durata di 2 ore circa.



Indirizzo: Acquario di Genova - Area Porto Antico - Ponte Spinola -16128 Genova - tel. 010/23451 - fax 010/256160
Per informazioni: tel. 010/2345.678
Per prenotazioni: tel. 010/2345.666

Gino Paoli

Cantautore e Musicista - nasce a Monfalcone il 23 settembre 1934.
Dopo pochi mesi dalla sua nascita la famiglia si trasferisce a Genova, nel sobborgo di Pegli, città che lo segna particolarmente ed alla quale rimane legato.
Rappresentante della musica leggera italiana degli anni sessanta e settanta, ha partecipato più volte al Festival di Sanremo, ha collaborato con cantanti di successo per la realizzazione di album e ha composto canzoni e musiche per colonne sonore.

Savignone - Sagra del Pesto

La Sagra del Pesto si svolge nei giorni 21, 22 e 23 giugno a Savignone, ed è organizata dall'associazione C.N.G.E.I. di Genova.
Offre piatti tipici a base di Pesto Ligure, grigliate miste e dal 2008 anche piatti privi di glutine per celiaci.
Immersi nella natura e accompagnati da piacevole muscica
Viene offerto il servizio navetta - apertura stand alle 19.30





Camogli - Sagra del Pesce

La Sagra del Pesce nasce nel 1952 dall'idea di alcuni pescatori di cucinare e regalare della frittura di pesce agli abitanti, gesto che divenne tradizione.
La Sagra è organizzata dalla Pro Loco con il patrocinio del Comune, è diventata un attrazione turistica di elevata importanza, conosciuta in Italia e all'estero, vi partecipa infatti, un'elevato numero di persone.
Si svolge il giorno 10 di Maggio.
Per informazioni potete contattare: Pro Loco Camogli - tel. 0185771066 - http://www.prolococamogli.it/




Boccadasse

In dialetto Genovese "Bocadâze" è la tipica tipica "crêuza de ", antico borgo marinaro situato all'estremo lato orientale di Corso Italia, che una tra le vie per passeggiare più panoramiche della città
E' una tra le mete turistiche più visitate, il borgo rimane racchiuso in una stretta baia dove nella riva destra sono attraccate le barche dei pescatori, mentre nella riva sinistra si trova il Capo di Santa Chiara.
A Boccadasse sorge la parrocchiale di Sant'Antonio di Padova, un'antica chiesa edificata come cappella agli inizi del 1600 dagli abitanti della zona e dai pescatori che diventò parrocchia nel 1894 per volere dell'Arcivescovo Tommaso Reggio.

Paolo Villaggio

Attore e Regista - nasce a Genova il 30 dicembre del 1932
Famoso soprattutto per i suoi ruoli di attore comico come Fracchia, il professore Kranz e il ragioniere Ugo Fantozzi.
E' un attore versatile, infatti recita anche in ruoli drammatici e partecipa a film di registi di alto calibro come Olmi, Fellini e Wertmuller.
Scrive sei libri su Fantozzi, e altri di vario genere ma sempre a carattere satirico.


Ma se ghe penso

l'ëa partio sensa ûn-a palanca,
l'ëa zâ trent'anni, forse anche ciû.
O l'aveiva lottou pe mette i dinæ a-a banca
e poèisene ûn giorno vegnî in zû
e fäse a palassinn-a e o giardinetto,
co-o rampicante, co-a cantinn-a e o vin,
a branda attaccâ a-i ærboi, a ûso letto,
pe daghe 'na schenâ séia e mattin.
Ma o figgio o ghe dixeiva: "No ghe pensâ
a Zena cöse ti ghe vêu tornâ?!"

Ma se ghe penso alloa mi veddo o mâ,
veddo i mæ monti e a ciassa da Nonsiâ,
riveddo o Righi e me s'astrenze o chêu,
veddo a lanterna, a cava, lazzû o mêu...
Riveddo a séia Zena illûminâ,
veddo là a foxe e sento franze o mâ
e alloa mi penso ancon de ritornâ
a pösâ e osse dov'ò mæ madonnâ.

E l'ëa passou do tempo, forse troppo,
o figgio o l'inscisteiva: "Stemmo ben,
dove ti vêu andâ, papá?.. pensiemo doppo,
o viägio, o mâ, t'é vëgio, no conven!" -
"Oh no, oh no! me sento ancon in gamba,
son stûffo e no ne posso pròprio ciû,
son stanco de sentî señor caramba,
mi vêuggio ritornamene ancon in zû...
Ti t'é nasciûo e t'æ parlou spagnollo,
mi son nasciûo zeneize e... no me mollo!"

Ma se ghe penso alloa mi veddo o mâ,
veddo i mæ monti e a ciassa da Nonsiâ,
riveddo o Righi e me s'astrenze o chêu,
veddo a lanterna, a cava, lazzû o mêu...
Riveddo a séia Zena illûminâ,
veddo là a foxe e sento franze o mâ
e alloa mi penso ancon de ritornâ
a pösâ e osse dov'ò mæ madonnâ.

E sensa tante cöse o l'è partïo
e a Zena o gh'à formóu torna o so nïo.

I Trilli

Gruppo Genovese che nacque nel 1971, composto da Giuseppe Deliperi (Pucci) e Giuseppe Zullo (Pippo).
Hanno partecipato al Festival di Sanremo nel 1984 con "Pomeriggio a Marrakech", unica canzone scritta in italiano, infatti scrivevano e cantavano prevalentemente in dialetto genovese e le loro canzoni avevano un che molto umoristico.
Il gruppo si scioglie nel 1987 con la scomparsa dei Deliperi, nel 2007 invece, viene a mancare Zullo.

I Trilli - Trilli Trilli

Stamme ûn po a sentî
viätri da Föxe , chi ve salva
son quelli de Boccadäse
che son ciû tarlûcchi de viätri

T' ho dïto che t'a prepari
o stocchefisce e bacilli
a gongorzola co-i grilli
e ûn bottigion de vin bon

e invece ti m'æ preparou
a menestrinn-a co-e êuve
a fà ciû fïto scì a chêuxe
ma o l'è ûn mangiâ do belin

O trilli trilli trilli t'æ ciû musse che mandilli
mandilli no ti n'æ , t'æ ciû musse che dinæ

o gnao gnao gnao m'ou belin comme t'é cäo
e fotto fotto fotto m'ou belin comme t'é brûtto

e semmo de zena e semmo da föxe
ne gïa e cugge no piggiemo ciû moggê
e poi g'ho dïto per ûn momento
e poi ghe dimmo che se levan d'inti pë

e semmo de zena e semmo da föxe
ne gïa e cugge no piggiemo ciû moggê
fin che a-o mondo ghe saia a moggê do mæ vexin
no piggiemo ciû moggê pe ûn bello belin .

Stan ben ben quelli c'han quarcösa , stan ben ben stan ben ben
o trilli trilli trilli t'æ ciû musse che mandilli
mandilli no ti n'æ , t'æ ciû musse che dinæ

o gnao gnao gnao m'ou belin comme t'é cäo
e fotto fotto fotto m'ou belin comme t'é brûtto

e semmo de zena cö sacco de voxe
ne gïa e cugge no piggiemo ciû moggê
e poi g'ho dïto per ûn momento
e poi ghe dimmo che se levan d'inti pë

e semmo de zena e semmo da föxe
ne gïa e cugge no piggiemo ciû moggê
fin che a-o mondo ghe saia a moggê do mæ vexin
no piggiemo ciû moggê pe ûn bello belin
pe ûn bello .... violin

De andrè - Bocca di Rosa

La chiamavano Bocca di Rosa
metteva l'amore metteva l'amore
la chiamavano Bocca di Rosa
metteva l'amore sopra ogni cosa

Appena scesa alla stazione
del paesino di Sant'Ilario
tutti s'accorsero con uno sguardo
che non si trattava d'un missionario

C'è chi l'amore lo fa per noia
chi se lo sceglie per professione
Bocca di Rosa né l'uno né l'altro
lei lo faceva per passione

Ma la passione spesso conduce
a soddisfare le proprie voglie
senza indagare se il concupito
ha il cuore libero oppure ha moglie

E fu così che da un giorno all'altro
Bocca di Rosa si tirò addosso
l'ira funesta delle cagnette
a cui aveva sottratto l'osso

Ma le comari d'un paesino
non brillano certo in iniziativa
le contromisure fino a quel punto
si limitavano all'invettiva

Si sa che la gente dà buoni consigli
sentendosi come Gesù nel tempio
si sa che la gente dà buoni consigli
se non può più dare cattivo esempio

Così una vecchia mai stata moglie
senza mai figli senza più voglie
si prese la briga e di certo il gusto
di dare a tutte il consiglio giusto

E rivolgendosi alle cornute
le apostrofò con parole argute:
Il furto d'amore sarà punito
disse dall'ordine costituito

E quelle andarono dal commissario
e dissero senza parafrasare:
Quella schifosa ha già troppi clienti
più di un consorzio alimentare

Ed arrivarono quattro gendarmi
con i pennacchi con i pennacchi
ed arrivarono quattro gendarmi
con i pennacchi e con le armi

Spesso gli sbirri e i carabinieri
al proprio dovere vengono meno
ma non quando sono in alta riforme
e l'accompagnarono al primo treno

Alla stazione c'erano tutti
dal commissario al sacrestano
altra stazione c'erano tutti
con gli occhi rossi e il cappello in mano

A salutare chi per un poco
senza pretese senza pretese
a salutare chi per un poco
portò l'amore nel paese

C'era un cartello giallo
con una scritta nera
diceva: Addio Bocca di Rosa
con te se ne parte la primavera

Ma una notizia un po' originale
non ha bisogno di alcun giornale
come una freccia dall'arco scocca
vola veloce di bocca in bocca

E alla stazione successiva
molta più gente di quando partiva
chi manda un bacio chi getta un fiore
chi si prenota per due ore

Persino il parroco che non disprezza
fra un miserere e un'estrema unzione
il bene effimero della bellezza
la vuole accanto in processione

E con la Vergine in prima fila
e Bocca di Rosa poco lontano
si porta a spasso per il paese
l'amore sacro e l'amor profano

Fabrizio De André

Cantautore e Poeta - nacque a Genova nel quartiere genovese di Pegli, in (via De Nicolay 12) il 18 febbraio del 1940 e morì a Milano l'11 gennaio del 1999.

Racconta storie di prostitute, di ribelli e situazioni ai margini della società.
Produce 15 album nei suoi 40 anni di attività musicale.
Nell'infanzia stringe amicizia con Paolo Villaggio che lo soprannomina Faber.

Ingredienti:

gr.500 Farina, gr.400 Bietole, 1 bicchiere panna, 4 Uova, gr.500 Ricotta, Parmigiano, gr.500 Burro, Maggiorana, Olio d'oliva, Sale.

gr.500 Fænn-a, gr.400 Giæe, , 1 gotto panna, 4 Êuve, gr.500 Prescinsêua Parmixàn, gr.500 Bûtiro, Persa, Êuio d'öia, .

Unite la farina con 2 cucchiaino d'olio, dell'acqua tiepida e il burro, impastare il tutto per 10 minuti circa e dividere la pasta in tanti pezzetti quanti saranno le sfoglie che vorrete utilizzare. Avvolgete in un panno e lasciate riposare .
Tagliate e bollite le bietole in acqua salata, dopo la cottura strizzatele e unite la maggiorana, il parmigiano.
In un altro contenitore sciogliete la panna e unite due cucchiai di farina, la ricotta le uova e il sale.
Usate il mattarello per tirare le sfoglie, ungete la teglia abbondantemente, stendete una sfoglia sopra l'altra ungendo prima la superficie con un filo d'olio.
Mettete il ripieno sulle sfoglie, aggiungete la ricotta, il burro in pezzetti, le uova intere e infine il parmigiano, sale e pepe.
Ricoprite con altre sfoglie, ricordandovi di oliarle.
Cuocere per 40/50 minuti a 190° fino a perfetta doratura.

Castagnaccio - Panella

Ingredienti:

gr.300 Farina di castagne, gr. 75 Uvetta sultanina, gr. 50 Pinoli, semi di finocchio, olio extravergine d'oliva, sale.

gr.300 Fænn-a de castagne, gr.75 Ûga passa, semensa de fenoggio, gr. 50 Pignêu, Êuio stravergine d'öia, .

Mettete in un contenitore la farina, che avrete già setacciato, stemperatela e unite piano piano l'acqua fino ad ottenere una pastella ne troppo densa ne troppo liquida.
Ammorbidite l'uvetta in acqua calda.
Aggiungete il sale e versate in una teglia unta di olio, aggiungete l'uvetta, i semi di finocchio e i pinoli.
Condite con olio prima di infornare a 190° C.
La cottura sarà ultimata quando il Castagnaccio si sarà screpolato.

Involtini di carne - Tomaxelle

Ingredienti:

8 fette Coscia di vitellone, 1 gr. 100 Poppa di vitella, 100 gr . Magro di vitello, gr . 50 Cervella, gr . 50 Animelle, gr .50 Schienali, 3 Uova, Farina bianca, Brodo di carne, Mollica di 1 panino, 1 manciata Parmigiano grattuggiato , 1 cipolla, latte, 1 pizzico di Spezie miste ,Vino bianco secco, olio extravergine d'oliva, Sale.

8 fette Chêuscia de vitellon, gr.100 Porpa de vitello, gr.100 Magro de vitello, Çervella gr.50, Animelle 1, Filoìn gr.50, Êuve 3, Fænn-a gianca, Broddo de carne, Môula de 1 panetto, Parmixiàn gratou 'na magnâ, 1 siôula, læte, 1 stissìn de Spezie mes-cie,Vin gianco secco, Êuio stravergine d'öia, .

Mettete un d'olio, la cipolla tagliata e le carni (tranne gli schienali) in una casseruola.
Fate sbollentare gli schienali in dell'acqua salata per poterli spellare meglio.
Unite tutto e fate rosolare, bagnate con il vino bianco, dopodiché passate al tritacarne e riponete il ricavato in una ciotola.
Unite il parmigiano, le uova, la mollica bagnata nel latte (ma strizzata), un po' di spezie e sale.
Usate il batticarne per assottiliare le fette di vitellone e metteteci un po di composto su ogni fettina di vitellone, arrotolatele e legatele con lo spago (filo bianco), passateli nella farina e fateli rosolare nell'olio.
Quando avranno raggiunto una buona doratura, bagnateli con il vino bianco, continuate la cottura aggiungendo vino bianco.
Servite caldo con purea di Carne.

Tiramisù - Tìamesciû

Ingredienti:

gr. 500 Mascarpone, gr. 250 Savoiardi, gr. 230 Zucchero, 4 uova, 2 Caffettiere di Caffè, Cacao in polvere.

gr.500 Mascarpon, gr. 250 Savoiardi, gr. 230 Sûccao, 4 Êuve, 2 Caffettëe de caffé, Cacao in pûa.

Frullate i rossi dell'uovo nel frullatore con lo zucchero, successivamente aggiungete il Mascarpone.
Preparate le 2 caffettiere di Caffè.
Montate i bianchi dell'uovo a neve e poi unite i bianchi e i rossi mescolando.
Zuccherate il Caffè ed inzuppateci i savoiardi (senza esagerare) e riponeteli su una teglia dal bordo alto, alternate uno strato di savoiardi con uno strato di "crema", quando avete finito cospargetelo di Cacao in polvere.
Conservate in Frigo e servite freddo.

Previsioni del Tempo: